My Blog

“TUO PADRE TI TIENE!”

No comments

“NESSUNO LE RAPIRA’ DALLA MIA MANO “. GIOVANNI 10:28

Durante un caldo pomeriggio in Florida, un bambino nuotava nel lago vicino a casa e non vide il coccodrillo dietro di lui. Suo padre, che stava facendo dei lavori in giardino, lo vide e iniziò a gridare al figlio di tornare a riva. Troppo tardi! Il bambino raggiunse il padre, ma il coccodrillo raggiunse il bimbo. In un incredibile

daniele“TUO PADRE TI TIENE!”
read more

“TUO PADRE TI TIENE!”

10 comments

“NESSUNO LE RAPIRA’ DALLA MIA MANO “. GIOVANNI 10:28

Durante un caldo pomeriggio in Florida, un bambino nuotava nel lago vicino a casa e non vide il coccodrillo dietro di lui. Suo padre, che stava facendo dei lavori in giardino, lo vide e iniziò a gridare al figlio di tornare a riva. Troppo tardi! Il bambino raggiunse il padre, ma il coccodrillo raggiunse il bimbo. In un incredibile tiro alla fune, il padre afferrò il figlio per le braccia e il coccodrillo per le gambe. Il coccodrillo era determinato, ma il padre deciso a non mollare! Un contadino di passaggio senti le urla, scese dal trattore e sparò all’animale. Il bambino sopravvisse e dopo settimane di ospedale venne intervistato dal giornale locale. Mostrò al giornalista le terribili ferite sulle sue gambe e con grande orgoglio aggiunse: “Ho delle grosse cicatrici anche sulle braccia perché mio padre me le teneva strette, senza lasciarmi andare!” Gesù disse: “Io do loro la vita eterna, e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano.” Non significa che il nemico non ci proverà. Ti farà credere di essere così lontano da Dio che non c’è modo di ritornare a Lui. Manderà altri per attaccarti con lo scoraggiamento e il senso di colpa. Ti tenterà, perché ti allontani da Dio. Forse avrai fatto scelte discutibili, che ti hanno segnato spiritualmente ed emotivamente, ma quando appartieni a Dio, nessuno può averti! Nessuna circostanza potrà mai toglierti il Suo amore (vedi Romani 8:38). Nessuna conseguenza può rapirti dalla mano di tuo Padre. “Tuo Padre ti tiene!” Lascia che queste parole potenti di sicurezza ti diano pace oggi.

daniele“TUO PADRE TI TIENE!”
read more

“TUO PADRE TI TIENE!”

“NESSUNO LE RAPIRA’ DALLA MIA MANO “. GIOVANNI 10:28

Durante un caldo pomeriggio in Florida, un bambino nuotava nel lago vicino a casa e non vide il coccodrillo dietro di lui. Suo padre, che stava facendo dei lavori in giardino, lo vide e iniziò a gridare al figlio di tornare a riva. Troppo tardi! Il bambino raggiunse il padre, ma il coccodrillo raggiunse il bimbo. In un incredibile tiro alla fune, il padre afferrò il figlio per le braccia e il coccodrillo per le gambe. Il coccodrillo era determinato, ma il padre deciso a non mollare! Un contadino di passaggio senti le urla, scese dal trattore e sparò all’animale. Il bambino sopravvisse e dopo settimane di ospedale venne intervistato dal giornale locale. Mostrò al giornalista le terribili ferite sulle sue gambe e con grande orgoglio aggiunse: “Ho delle grosse cicatrici anche sulle braccia perché mio padre me le teneva strette, senza lasciarmi andare!” Gesù disse: “Io do loro la vita eterna, e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano.” Non significa che il nemico non ci proverà. Ti farà credere di essere così lontano da Dio che non c’è modo di ritornare a Lui. Manderà altri per attaccarti con lo scoraggiamento e il senso di colpa. Ti tenterà, perché ti allontani da Dio. Forse avrai fatto scelte discutibili, che ti hanno segnato spiritualmente ed emotivamente, ma quando appartieni a Dio, nessuno può averti! Nessuna circostanza potrà mai toglierti il Suo amore (vedi Romani 8:38). Nessuna conseguenza può rapirti dalla mano di tuo Padre. “Tuo Padre ti tiene!” Lascia che queste parole potenti di sicurezza ti diano pace oggi.

daniele“TUO PADRE TI TIENE!”
read more

IL TUO PERDONO è GARANTITO

“SE CONFESSIAMO I NOSTRI PECCATI”. 1 GIOVANNI 1:9

Nonostante le migliori intenzioni e i nostri sforzi, nessuno di noi ? “all’altezza” degli standard di Dio (Romani 2:23). Qual ? dunque la risposta? “Se diciamo di essere senza peccato [rifiutiamo di ammettere che siamo peccatori], inganniamo noi stessi, e la verit?, [che ci presenta il Vangelo] non ? in noi. Se confessiamo [liberamente] i nostri peccati, egli ? fedele e giusto [fedele alla Sua stessa natura e promesse] da perdonarci i peccati [togliendoci dall’illegalit?] e purificarci [continuamente] da ogni iniquit? [tutto quello che non ? conforme alla Sua volont?, in scopo, pensiero, e azione]” (1 Giovanni 1: 8-9). Quando si tratta del perdono di Dio, sapere per certo ? meglio che averne l’impressione. Ecco come funziona il perdono di Dio: la consapevolezza del peccato ci convince di
peccato; la convinzione del peccato conduce alla sua confessione; la confessione alla liberazione e questa ci rende certi e fiduciosi davanti a Dio (vedi 1 Giovanni 3:21-22). Potresti obiettare di non sentirti “degno del perdono di Dio.” Non lo sarai mai! Il perdono di Dio non si basa sul tuo esserne degno, ma su Cristo: Egli ? degno! Inoltre, Dio non ? come i tuoi genitori; Lui non richiede che tu ti senta in colpa ed abbattuto fino a che non avrai “imparato la lezione”, prima di perdonarti. Se cos? fosse, significherebbe dover fare qualcosa per guadagnarsi il Suo perdono. Ma ? per grazia, per grazia soltanto (vedi Efesini 2:8-9)! “Grazia” significa “dono immeritato”. Quindi quando Dio ti perdona, onoraLo perdonando te stesso e girando pagina.

danieleIL TUO PERDONO è GARANTITO
read more

PER SVILUPPARE RESILIENZA

“IL GIUSTO CADE SETTE VOLTE E SI RIALZA”. PROVERBI 24:12

Come ogni altra abilità, la resilienza (o capacità di recupero) mentale, emotiva e spirituale può essere appresa. Ecco come: 1. Considera con occhi nuovi le tue battute d’arresto, come l’ inizio di cose più grandi. 2. Ricorda che chi ha successo non affronta semplicemente le avversità, ma le accetta. 3. Ignora le critiche e focalizzati sul fare del tuo meglio. 4. Svegliati ogni giorno ricordandoti che la preghiera e il ringraziamento creano un ambiente fertile per la fede. 5. Parla di più della fede quando hai paura. 6. Impara dai tuoi sbagli e ricordati di tutte le volte che hai avuto successo. 7. Visualizza la vittoria prima di iniziare la battaglia. 8. Rifiuta di dimorare nel passato o di preoccuparti del futuro; il presente è dove puoi avere influenza. 9. Cerca una soluzione invece di lamentarti. 10. Sostituisci l’insicurezza con conversazioni di fede. 11. Quando tutto sembra senza speranza, ricordati che “con Dio tutto è
possibile” (Marco10:27). 12. Quando ti senti solo, pensa a tutti coloro che ti hanno aiutato, amato e supportato. 13. Prega per ricevere la guida quando ti trovi in situazioni più grandi di te (vedi Giacomo 1:5). 14. Riposati quando sei stanco, ma non mollare. Finisci tutto ciò che fai al pieno delle tue forze. 15. Ricordati che “puoi tutto in Cristo” quando pensi di non farcela (Filippesi 4:13). 16. Riconosci ciò che non puoi controllare, focalizzati su quello che puoi fare e sottometti il resto a Dio. 17. Esercitati fisicamente, per sviluppare un senso di controllo e combattere la depressione. 18. Ridi per ridurre lo stress, rinforzare il tuo sistema immunitario e migliorare la circolazione del sangue. 19. Sii riconoscente. Alcuni studi mostrano che le persone che scrivono lettere o email di ringraziamento a chi le ha aiutate, mantengono un umore positivo per circa un intero mese.

PER SVILUPPARE RESILIENZA
read more

AVVICINATI A DIO COME UN BAMBINO

“SE NON CAMBIATE E NON DIVENTATE COME BAMBINI, NON ENTRERETE NEL REGNO DEI CIELI”. MATTEO 18:3

Matteo scrive: “I discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: Chi è dunque il più grande nel regno dei cieli? Ed egli, chiamato a sé un bambino… disse: In verità vi dico: se non cambiate e non diventate come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli” (v. 1-3). Per fare grandi cose per Dio, devi avvicinarti a Lui con l’attitudine di un bambino. Puoi imparare molto osservando i bambini: ovunque sono, trovano sempre un modo per divertirsi. Perdonano velocemente le offese: l’attimo prima litigano, l’attimo dopo giocano felici insieme. E per loro credere è facile. I tuoi figli non si preoccupano delle bollette da pagare, dei pasti o di far quadrare i conti, perché implicitamente sanno che tu provvederai ai loro bisogni. Cosa ci insegna Gesù? 1. Ad avere una fede semplice. 2. A pregare in modo semplice. 3. A pentirci velocemente. 4. A ricercare l’aiuto di Dio regolarmente. 5. A credere che il nostro Padre celeste è buono e che “Egli non rifiuterà di fare del bene a quelli che camminano rettamente” (Salmo 84:11). In più dopo averli perdonati, i bambini non continuano a sentirsi colpevoli e condannati. Con questo tipo di semplicità nella relazione con Dio, noterai in te crescita spirituale e ti rallegrerai in Lui più che mai. Questo dovrebbe essere il tuo obiettivo.

AVVICINATI A DIO COME UN BAMBINO
read more

SII CREATIVO (4)

“DARAI ISTRUZIONI A TUTTI GLI ARTIGIANI”. ESODO 28:3 (LA BIBBIA IN LINGUA CORRENTE, LDC-ABU)

Dio disse a Mosè: “Per Aronne, tuo fratello, farai abiti sacri, per mostrare la dignità della sua funzione sacerdotale. Per questo darai istruzione a tutti gli artigiani che io ho dotato di maggiore abilità, ed essi faranno gli abiti di Aronne” (v. 2-3). Osserva la parola “artigiani”. Dio ci dà abilità artistiche e, quando le usiamo, Lo glorifichiamo. Confezionare abiti che mostrino la “dignità della funzione sacerdotale” richiede creatività. Smettiamo di separare spirituale da secolare! “Qualunque cosa facciate, in parole o in opere, fate ogni cosa nel nome del Signore Gesù” (Colossesi 3:17). Come diventare creativi? 1. Riconoscendo che Dio ti ha fatto per essere creativo. 2. Chiedendo a Lui di rivelarti le aree in cui hai talento e creatività. 3. Valorizzando le idee nuove. Qualsiasi cosa tu stia ora
facendo, e per quanto bene tu la faccia, un’idea creativa ti permetterà di farla meglio. La creatività è capace di vedere quello che tutti gli altri hanno visto, di pensare ciò che nessun altro ha pensato, per fare quello che nessun altro ha mai fatto. A volte il pensiero creativo sostiene l’ingegno e l’inventiva per entrare in territori inesplorati. Altre volte l’innovazione, per fare cose vecchie in un modo del tutto nuovo. In entrambi i casi, comunque, significa vedere il mondo con occhi sufficientemente nuovi da far apparire nuove soluzioni. “Il settimo giorno Dio compì [finì] l’opera che aveva fatta” (Genesi 2:2). Attenzione, la creatività richiede lavoro e fatica, ed è per questo che molti tendono ad evitarla. Ma se desideri lavorare sulla tua creatività, Dio ti userà per fare grandi cose.

SII CREATIVO (4)
read more

SII CREATIVO (3)

“SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI”. GENESI 1:28

Il Tuo Padre Celeste ha creato il mondo e tu sei fatto a Sua immagine. Ci? significa che sei naturalmente portato a pensare in modo creativo. Dio fin? il suo lavoro creativo in sei giorni; dopo ebbe inizio il nostro lavoro. Dio disse, in sostanza: “Ti ho dotato delle risorse e dei talenti necessari per una vita esuberante. Ora usali per farne qualcosa di buono.” Le pecore, che Egli cre?, forniscono lana con la quale possiamo creare bellissimi tessuti in diversi colori da abbinare. Dio non cre? il formaggio, ma le mucche affinch? dessero latte con il quale produrre il formaggio. La Bibbia descrive l’inizio di tutte le cose con queste parole: “Dio li benedisse; e disse loro: ?Siate fecondi e moltiplicatevi”. La parola “moltiplicatevi”
significa che Dio vuole che alla fine tu abbia di pi? di quello che avevi all’inizio. Ma per fare ci? devi iniziare a pensare in modo creativo! Invece di accettare semplicemente una cosa, devi prenderla e trasformarla in qualcosa di pi?. Quando lo fai, stai seguendo le orme del Padre celeste. A volte le chiese bocciano idee o attivit? non religiose, considerandole “terrene” e perci? non gradite a Dio. ? un po’ come affermare che Dio opera solo tra le quattro mura della chiesa. No, “Al Signore appartiene la terra e tutto quel che ? in essa, il mondo e i suoi abitanti” (Salmo 24:1). Ovunque tu sia, chiunque tu sia e qualsiasi cosa tu faccia nella vita, Dio vuole che tu usi la tua creativit?, per glorificare Lui e benedire gli altri.

SII CREATIVO (3)
read more

SII CREATIVO (2)

“INFATTI, ? DIO CHE PRODUCE IN VOI IL VOLERE E L’AGIRE, SECONDO IL SUO BENEVOLO DISEGNO “. FILIPPESI 2:13

Avrai delle buone idee solo se attribuisci valore alle idee, altrimenti vivrai trasportato dalle idee degli altri. I pensatori creativi: 1. Esplorano ogni opzione. Esplorare una moltitudine di possibilit? aiuta a stimolare la tua immaginazione, che ? cruciale per la creativit?. Albert Einstein disse: “L’immaginazione ? pi? importante della conoscenza”. Perch?? Perch? cerca nuovi modi per mettere a frutto la conoscenza. 2. Accettano l’ambiguit?. Le persone creative non sentono il bisogno di sradicare l’incertezza. Vedono le contradizioni e le crepe della vita e gioiscono nell’esplorarle o nell’usare la loro immaginazione per colmarle. Di fronte ad un bisogno insoddisfatto, puoi decidere che non ci sia niente da fare in proposito, o puoi pregare e cercare un modo per soddisfare quel bisogno (Filippesi 4:19).
3. Celebrano l’anticonformismo. La creativit? esplora sentieri non convenzionali. Kingman Brewster, ex-presidente dell’Universit? di Yale disse: “C’? una correlazione tra creativo ed eccentrico. Pertanto, dobbiamo sopportare volentieri gli eccentrici”. Per promuovere la creativit?, devi saper tollerare l’originalit? e le stranezze. 4. Non si spaventano dei fallimenti. Il filosofo americano Charles Frankel scrisse: “L’ansiet? ? la condizione essenziale della creazione artistica ed intellettuale”. La creativit? richiede di essere disposti a sembrare stupidi; significa salire su un ramo sapendo che potrebbe spezzarsi. Le persone creative sanno tutto ci? e comunque continuano a cercare nuove idee. Non accettano che idee inefficaci li fermino dal cercarne nuove, efficaci e funzionanti.

danieleSII CREATIVO (2)
read more

SII CREATIVO (1)

“DIO CREO’ L’UOMO A SUA IMMAGINE; LO CREO’ A IMMAGINE DI DIO; LI CREO’ MASCHIO E FEMMINA”. GENESI 1:27

Perché festeggiamo la nascita dei nostri figli? Perché come Dio, abbiamo contribuito a creare qualcosa. Un famoso coach di football americano, Vince Lombardi disse: “La gioia sta nel creare, non nel mantenere.” È un errore credere che Dio sia interessato solo alle “cose spirituali” e non alle cose “secolari”. Sì, devi crescere spiritualmente: devi anche usare i doni che Lui ti ha dato per raggiungere il Suo scopo qui sulla terra e per benedire altri. Non devi essere ricco o avere un alto quoziente intellettivo per essere creativo. Potresti essere un parrucchiere creativo, o inventare una nuova ricetta, o creare un’opportunità di lavoro per carcerati, attraverso cui poter ricominciare. Ciò non è solo secolare, è anche spirituale! Noterai che la croce ha due pali: verticale e orizzontale.
Il palo verticale rappresenta la tua relazione con Dio, quello che Lui vuole fare per te e quello che Lui vuole che tu faccia per Lui. Il palo orizzontale rappresenta quello che Dio ci chiama a fare per gli altri. Potresti dire: “Ma io non sono molto creativo.” Quando scopri il dono che Dio ti ha dato, sprigionerai la tua creatività. Paolo scrive: “Avendo pertanto doni differenti secondo la grazia che ci è stata concessa” (Romani 12:6). Non abbatterti solo perché non sei creativo come vorresti! Un pensiero creativo non è necessariamente un pensiero originale. In realtà, si tende a mitizzare il pensiero originale. Molto spesso il pensare creativo è un insieme di pensieri altrui e scoperti man mano nella vita. Quindi, la parola per te oggi è: sii creativo.

SII CREATIVO (1)
read more