My Blog

NON ESSERE OSSESSIONATO DAL FUTURO

No comments

“NON SIATE DUNQUE IN ANSIA PER IL DOMANI, PERCHÉ IL DOMANI SI
PREOCCUPERÀ DI SE STESSO. BASTA A CIASCUN GIORNO IL SUO AFFANNO” MATTEO 6:34

Si racconta di un orologio che trascorreva molto tempo preoccupandosi del suo futuro, ragionando sull’eventualità di dover ticchettare due volte al secondo. “Quanti tic tac sarebbero?” pensò l’orologio. Iniziò a calcolare; sarebbero stati 120 ticchettii al minuto; quindi 7.200 ogni ora. In un giorno, cioè 24 ore, sarebbero stati 172.800 e 63.072.000 in un anno. A quel punto l’orologio andò nel panico e iniziò a sudare copiosamente. Alla fine, calcolò che in dieci anni avrebbe dovuto ticchettare 630.720.000 volte… così crollò del tutto, con un esaurimento nervoso. Gli psicologi stimano che circa il 95 percento delle nostre preoccupazioni non accadrà mai. E il restante 5 percento? Quattro volte su cinque le cose vanno meglio di quanto ci aspettassimo, incluse tante vere e proprie benedizioni! Alla fine, solo l’1 percento di tutto il male che pensiamo possa accadere, in realtà accade, e raramente è così grave come temevamo. Ecco perché Gesù esortò: “Non essere in ansia per il domani. Dio si prenderà cura anche del tuo domani. Vivi un giorno alla volta “. Con queste parole, l’apostolo Pietro ci offre la giusta prospettiva secondo cui vivere: “Gettando su di lui ogni vostra preoccupazione [tutte le tue ansie, tutte le tue preoccupazioni, tutte le tue afflizioni, una volta per tutte], perché egli ha cura di voi” (1 Pietro 5: 7). Quindi la parola per te oggi è: non essere ossessionato dal futuro.

andreaNON ESSERE OSSESSIONATO DAL FUTURO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *