My Blog

RALLENTA! (3)

No comments

“…O VOI CHE PASSATE DI QUI! GUARDATE…” LAMENTAZIONI 1:12

A una fermata della metropolitana di Washington DC, in una fredda mattina di gennaio, un giovane violinista suonava diversi pezzi di Bach in mezzo al trambusto di gente che andava e veniva. Dopo tre minuti, un uomo di mezza età si fermò brevemente e poi si affrettò ad andarsene. Quattro minuti più tardi, il giovane ricevette il suo primo dollaro: una donna glielo aveva gettato nel cappello senza nemmeno fermarsi. Sei minuti dopo un uomo si appoggiò al muro per ascoltare, guardò l’orologio e se ne andò. Dieci minuti dopo si fermò un bimbo, ma la mamma lo trascinò via di fretta. Altri bambini si fermarono, ma tutti i genitori, senza eccezione alcuna, li trascinarono via. Il giovane musicista suonò per quarantacinque minuti durante i quali si fermarono ad ascoltarlo sei persone e venti gettarono del denaro camminando. Il violinista raccolse trentadue dollari e quando smise di suonare nessuno se ne accorse o applaudì, non ci fu nessun riconoscimento. La cosa impressionante è questa: il violinista era Joshua Bell, uno dei migliori musicisti al mondo e suonava alcuni dei brani più virtuosi mai composti, su un violino da tre milioni e mezzo di dollari. Due giorni prima, aveva fatto il “tutto esaurito” al Teatro di Boston, dove mediamente un biglietto costa cento dollari per ascoltare la stessa musica che aveva suonato alla fermata della metropolitana quella mattina. Allora, ecco la domanda: “Se non hai tempo per fermarti e ascoltare uno dei migliori musicisti suonare una delle musiche più sublimi mai composte con uno degli strumenti più preziosi mai costruiti, che altro ti stai perdendo mentre attraversi la vita correndo?” Vale la pensa pensarci, vero? (Nota: Joshua Bell suonò in incognito come parte di un esperimento sociale condotto dal Washington Post).

andreaRALLENTA! (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *