My Blog

RALLENTA! (1)

No comments

“MA UNA COSA…” FILIPPESI 3:13

Viviamo nell’era multitasking. Parliamo al telefono, ci trucchiamo, beviamo il caffè, pranziamo, diamo da mangiare ai figli e persino leggiamo i messaggi mentre guidiamo a tutta velocità in autostrada. Il Dott. Richard Swenson osserva: “In alcuni casi siamo più produttivi… c’è chi lavora all’uncinetto mentre guarda il notiziario. E in certi ambiti lavorativi è considerato necessario: agli agenti in Borsa viene chiesto di correre e fare cinque cose alla volta. Ma non è strano che quando un quarantottenne operatore di borsa cade a terra morto i suoi colleghi continuino a lavorare attorno al suo corpo mentre ricevono richieste di acquisto o vendita? La drammatica escalation di frenesia ci ha dato troppo da fare in poco tempo. La strategia standard… anziché rifiutare di fare di più… è fare due, tre o quattro cose alla volta. È portare all’estremo la filosofia del “fare sempre di più in sempre meno tempo”. Ma qualcuno si è dimenticato della matematica! Nel fare due cose alla volta si sottrae il 30% dell’attenzione dal compito principale; si sacrifica la qualità alla quantità, commettendo più errori. Si possono anche finire più cose, ma con un risultato più scadente e i nervi a pezzi. Il rovescio della medaglia del multitasking non è pubblicizzato bene… perciò continuiamo a sperimentare quanto riusciamo spingendoci oltre il limite. Tuttavia, nella sfera delle relazioni, il multitasking può rivelarsi disastroso. Non ascoltiamo… ci vuole troppo tempo. La famiglia ha bisogno di essere considerata… i figli hanno bisogno di quello che hanno bisogno, quando ne hanno bisogno: o li si alleva oppure no. Paolo non viveva così. Era concentrato “su… una cosa”: la persona che gli stava davanti. Un cane ha quattro zampe, ma non per questo cammina su quattro strade contemporaneamente! Perciò rallenta e tieni un passo sano e sostenibile.

andreaRALLENTA! (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *